Apeldoorn ha sempre avuto un carattere regale: spaziosa, maestosa e simile a un parco. L’antico Palazzo Het Loo, residenza reale e oggi bellissimo museo nazionale, ne è la testimonianza più importante. Così come l’adiacente e più piccolo castello Het Oude Loo, tuttora abitato dai Reali nei fine settimana.

Chalet Loolaan è un’esclusiva residenza a pochi passi dal centro città di Apeldoorn. L’edificio è costruito su un ampio terreno di circa 2700 m² e si compone di quattro appartamenti di lusso e un attico. La casa si affaccia sul bellissimo viale Loolaan tra due edifici monumentali secolari, oggi completamente restaurati e adibiti a residenze. Una costruzione moderna e astratta non incontrerebbe consenso su questa strada, in particolare essendo circondata da abitazioni così speciali. L’edificio, con la sua espressione rurale e contemporanea, deve quindi essere capace di sostenersi con un proprio carattere forte.

I’M Architecten di Deventer, responsabile della progettazione, si è ispirato all’architettura degli chalet svizzeri in una versione moderna e con l’aspetto signorile di una grande villa. L’articolazione verticale dell’edificio ben si integra con i palazzi esistenti lungo il Loolaan. L’acciaio nero degli infissi e delle particolari ringhiere conferisce all’edificio un aspetto contemporaneo.

I’M architects sceglie la pietra ricostruita di murogeopietra® per il rivestimento delle facciate. Un argomento importante per l’architetto Martin Kleine Schaars, che preferisce materiali ecologici che carichino il meno possibile la nostra impronta sulla Terra. Le facciate realizzate in murogeopietra® CAMUNA sono posate su isolamento termico in una pregevole combinazione con le alte vetrate che arrivano fino al tetto. murogeopietra® è un prodotto diverso e innovativo, che non richiede manutenzione, realizzato esclusivamente con materiali e colori puri è rifinito a mano e trasformato così in un prodotto di alto artigianato. La sua naturalezza è sorprendente tanto quanto i vantaggi tecnici che apporta al sistema cappotto.

 

Ti è piaciuto questo Case History?
Condividilo